• Il nostro amato strumento ha diversi limiti: l’intonazione è imperfetta, ha molto volume e ci fa odiare dal vicinato e, ben più grave, ha un sostegno limitato: le note, dopo poco tempo, tendono a chiudersi, a scomparire.

    Intendiamoci, è un comportamento completamente normale, dettato dalla fisica: il movimento della corda va a smorzare la forza che abbiamo impresso su di essa per farla muovere, generando il suono che ascoltiamo.
    Ovviamente però, dopo un certo periodo, quella corda smetterà di vibrare: accade lo stesso sul pianoforte ad esempio, ma qui entra in gioco una differenza sostanziale cioè che il pianoforte ha un pedale, chiamato “pedale tonale” che permette di allungare la vita delle note che stiamo suonando; sui synth addirittura può originare un sostegno infinito, creando texture sonore interessanti.


    Grazie al Plus Pedal di Gamechanger Audio anche noi chitarristi potremo avere questa possibilità, andando a sfruttare la particolare tecnologia di questo pedale che permette di allungare le nostre note e i nostri accordi anche fino all’ infinito.

    Basterà premere il pedale, che è del tutto simile a quello di un pianoforte tra l’altro, per avere sotto ai nostri piedi un suono completamente nuovo.

    I controlli sono semplici:

    Blend: ci permette di mixare correttamente il volume dell’ effetto con quello della nostra chitarra “al naturale;

    Sustain: decide il comportamento del suono mentre teniamo premuto il pedale: più è basso e più avremo un decadimento naturale, con una parziale perdita di alte frequenze, più è alto e maggiore il comportamento sarà simile a quello di un synth senza particolari perdite armoniche;

    Rise: decide in quanto tempo il suono generato dal pedale arriverà al suo volume massimo;

    Tail: decide in quanto tempo il suono generato tornerà al volume minimo dopo che avremo smesso di premere il pedale.

    Inoltre è presente la modalità “group” che permette di sovrapporre fino ad un massimo di 5 “micro registrazioni” che si sommeranno andando a creare una massa sonora che potremo anche andare a lavorare attraverso l’utilizzo del send/return integrato nel pedale che permette di processare il suono ottenuto dal pedale stesso e aggiungere ulteriori effetti solo su questo, senza intaccare invece il tono della nostra chitarra.

    Un pedale veramente rivoluzionario che vi consiglio assolutamente di provare perchè è qualcosa di nuovo e particolare, com’è solito in casa Gamechanger.

    Gamechanger Audio è distribuita in Italia da Backline.

    3+