• Era tempo che cercavo un amplificatore adatto ad un utilizzo casalingo, che fosse valvolare ed avesse il send/return e finalmente l’ho trovato, per cui ve lo porto sul canale.
    Stiamo parlando dell’ Origin 5 di Marshall, che unisce la sostanza data da un bel suono che fa da ottima base per i nostri pedali ad un’estetica curata e piacevole.

    Confezione e contenuto: l’ ampli arriva corredato di manuale d’ istruzioni, footswitch e cavo d’alimentazione.

    Materiali e touch and feel: Come detto è costruito bene in ogni particolare. Il grill cloth, il logo, i controlli come ce li aspettiamo: nulla è lasciato al caso e sicuramente il risultato è ottimo, sia dal punto di vista estetico che da quello funzionale.

    Gestione dell’ ampli: è presente il send/return che permette di creare la catena in maniera corretta ed il footswitch ne permette l’attivazione anche a distanza.
    Per il resto i comandi son pochi e funzionali: volume, bassi, medi, alti e il controllo “tilt” che permette di muovere la sonorità tra il suono più cupo del canale normal dei vecchi Marshall e quello più chiaro del canale bright. Alla fine è come avere un super controllo di presenza che, appunto, permette di scurire o schiarire il suono globalmente.
    Ultimo, ma è importantissimo, segnalo lo switch high/low power che ci permette di sfruttare l’ampli a 5w o a 0,5w: la seconda opzione è utile per un utilizzo in casa, mentre con la prima si arriva a suonare anche in live, dimenticandosi però, ovviamente, del pulito.

    Il suono: è quelle che ci si aspetta da un ampli di questo tipo. In modalità low power a metà della potenza il volume è quello di una conversazione, ma il suono è già in zona “pulito grosso”, ottimo per far da base per i pedali. Alzando verso 7 siamo al volume di una conversazione sostenuta, ma il suono si apre ulteriormente, probabilmente perchè inizia a lavorare maggiormente il cono e gli ac/dc fanno capolino.

    Passando sulla modalità high power la storia cambia e in realtà c’è volume per suonarci dal vivo: a metà tremano i vetri e i vicini ci chiedono cortesemente di tornare in low power.

    Conclusioni: ampli ben costruito, con ottimi suoni già a basso volume per farci amare dai vicini e godere appieno di un suono ricco ed organico. Brava Marshall.


    3+