• Questa settimana ho deciso di mettere da parte, solo in parte, il digitale per parlare di liuteria.

    L’occasione mi è stata fornita Francesco Distefano, professionista che opera nel suo laboratorio ai piedi dell’Etna e che, da anni, realizza strumenti professionali sia con la sua firma che conto terzi.

    Francesco mi ha mandato una bellissima strato dalle caratteristiche vintage ma… dalla voce decisamente moderna. Il body è in tiglio americano (basswood), manico e tastiera in acero (tra l’altro bellissimo). E per la componente legnosa è tutto.

    Passiamo all’hardware: ponte a 2 pivot Wilkinson Wv2, tra i meno costosi della categoria ma che, credetemi, non mi ha fatto rimpiangere nemmeno per un attimo il VS100 che è montata sull’altra mia strato di liuteria. Ho strapazzato ben bene la leva e, solo dopo esser stato particolarmente “deciso”, l’accordatura ha perso qualcosa. Comunque non oltre il semitono.

    Usandola come la userebbe un chitarrista sano di mente, invece, l’accordatura resta pressochè invariata (previo set-up fatto in maniera ottimale). Le meccaniche sono delle Schaller L6 autobloccanti sulle quali ogni considerazione sarebbe superflua data la risaputa validità.

    I pickup: standard AlNiCo per manico e centrale ed un Fender American Standard al ponte.

    Cosa s’intende per “standard AlNiCo”? La chitarra è una ex-demo che è stata usata, in laboratorio, per provare nuove soluzioni. Al momento della spedizione montava due pickup in alnico Tonerider (mi è stato chiesto se preferissi altro ma, conoscendo il marchio e il suo incredibile rapporto q/p, ho chiesto di non sostituirli) ed un humbucker al ponte.

    Ho chiesto di sostituire quest’ultimo con un single-coil e Francesco, sulla base degli output dei pickup già montati, mi ha consigliato di montare un singolo tolto da una Fender Stratocaster American Standard.

    Il set risulta bilanciato e, a dimostrarlo, ci penserà il video test che allego.

    Ultimo dettaglio: la finitura. Una sorta di lake placid blue leggermente più carico. Per qualcuno rimanda agli anni ’80, per me è semplicemente bellissimo. Per non parlare della paletta in stile Suhr/Friedman.

    youtu.be/zqwjXGoyY60

    0