• Music Man ha deciso di farmi il regalo di Natale e mi ha mandato un botto di chitarre in prova. Vediamole.

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    La prima di cui vi parlo è questa stupenda Music Man Axis BFR , fiore all’ occhiello della produzione casa californiana.

    BFR sta per Ball Family Reserve, per cui stiamo parlando di uno strumento di altissima liuteria che vanta una costruzione impeccabile e un suono al top della categoria.

    Di seguito vi spiego le altre chitarre, ma vi metto altre foto di questa per apprezzarne i particolari; vi dico che quel che più mi ha fatto sbavare sono stati i legni di top e manico: fiammatissimo il primo e super occhiolinato il secondo, veramente incredibili.

    Seconda chitarra la Framus di Phil X, qui in versione economica. Nera opaca, super cattiva e rockettara, son curioso di sentire come suona, ma la immagino perfetta per tutto quello che è aggressivo e molto distorto. Tra l’altro Phil X suona da paura ed è uno dei miei chitarristi preferiti in assoluto!

    Si continua con la Sterling Petrucci JP150: 6 corde, top super figurato e qualità costruttiva altissima che ricalca quella della sorella maggiore, pur con la produzione asiatica. La più grande qualità di Music Man / Sterling è di riuscire a produrre con una qualità invidiabile anche in oriente.

     

     

     

     

    Avanti con la Music Man che più attendevo in assoluto: la St. Vincent.

    Costruita su disegno della (bellissima) Anne Erin Clark, conosciuta appunto per il suo progetto St. Vincent, vede un’ elettronica composta da 3 mini humbucker, manico interamente in palissandro e ponte mobile di qualità altissima, come al solito in casa Music Man.

     

    La attendevo con ansia e non mi sta deludendo assolutamente, non vedo l’ora di farvela ascoltare con calma!

     

    E’ il turno della Cutlass, 2 single coil, un humbucker al ponte ed uno splendido Coral Red a sottolinearne le forme. L’ ho richiesta espressamente perchè è uno strumento straordinario, dal gran suono e versatilità invidiabile.

     

    La potete osservare qui a sinistra: sicuramente la direzione è quella della Stratocaster, manico in acero che, come al solito per le Music Man è comodissimo, tasti grandi e suonabilità al top.

    Da notare il pickup al ponte che è coperto di plastica bianca, particolare che personalmente ho molto apprezzato.

     

    Per ultima ho lasciato una chitarra che già avete visto sul canale: la Sterling Lukather LK100 di cui trovate la demo facendo click QUI.

    Che dirvi? Bellissima. Ormai la produzione in oriente, se viene seguita correttamente, garantisce una qualità sonora ed estetica al top.

    Due humbucker, boost on board, ponte mobile preciso, tastiera in palissandro e meccaniche autobloccanti, tutte caratteristiche che farebbe pensare ad un prezzo ben superiore, invece ci si porta a casa questo strumento stando ben sotto ai 1000 euro.

    Vi invito a dare un’occhiata alla prova per rendervene conto.

     

     

     

    Come sempre son contentissimo di potervi portare strumenti di questa qualità, non vedo l’ora di farveli sentire con calma. Restate sintonizzati che ne vedremo delle belle!

     

     

     

     

     

    1+