• Si alza l’asticella in casa Boss grazie alla nuova tecnologic Tube Logic che promette dinamica e calore valvolare con ingombri (e prezzi) da transistor, ma sarà vero?

    Scopriamolo insieme!

    Confezione e contenuto: l’ ampli arriva corredato di manuale, footswitch e cavi.

    Materiali e touch and feel: bella la scelta di materiali e colori che riescono a fondere vintage e moderno. Il grill cloth anteriore grigio è molto elegante, così come il look minimale.

    Gestione dell’ ampli: siamo di fronte ad un amplificatore a due canali, con i classici controlli tipici di gain, volume, equalizzazione e quant’altro, ma l’asso di briscola viene calato nel momento in cui ci si accorge delle prime due manopole sulla destra che permettono di selezionare la tipologia di finale e il wattaggio dell’ ampli stesso, due parametri che incidono fortemente sul suono che andremo ad ottenere.

    L’ ampli è corredato di effetti on board quali riverbero, delay e tremolo.

    È inoltre presente il send/return per l’inserimento di altri pedali, l’uscita cuffie, la presa USB per utilizzarlo come una scheda audio e l’ editor per PC e Mac che permette una rapida gestione dei parametri scelti per i due canali.

    Il suono: l’ho testato principalmente a 0,5w, dato l’utilizzo casalingo, e devo dire che è molto interessante questa funzione perchè permette un perfetto utilizzo tra le mura domestiche, così come su un palco nel momento in cui regoliamo il finale su potenze superiori.
    Quel che viene modificato non è solo il volume finale, ma anche la risposta per cui con un wattaggio inferiore avremo una maggior tendenza dell’ ampli ad incresparsi, come succede quando si suona un ampli valvolare, insomma.
    Per il resto i due canali, clean e distorto, possono assumere molto sfumature differenti cambiando il finale e sono corredati di boost attivabile con il footswitch.

    Il pulito può passare dal cristallino ad una leggera distorsione che accontenterà tutti i fan del blues, mentre il canale crunch inizia in zona AC/DC per terminare in territori ottimi per il rock/metal.
    In ultimo sottolineo come la risposta dinamica sia vicina a quella di un ampli valvolare, portando ad avere più o meno distorsione semplicemente grazie al tocco del chitarrista.

    Conclusioni: bello da vedere, versatile e con dei suoni convincenti e molto vicini alle controparti valvolari.
    Unisce la comodità del digitale all’ utilizzo prettamente analogico perchè di fatto è un ampli a due canali con boost attivabile, per cui molto pratico, veloce da settare e comodo da portare in giro. 

    3+

    1 commento