• La base è la stessa visto che gli algoritmi Mooer vengono riproposti uguali a loro stessi, ma queste pedaliere sono diverse concettualmente.
    Dato che mi chiede sempre perchè preferire una o l’altro, ho deciso di far chiarezza sulla questione.

    La serie Truck è pensata per avere un insieme di pedali gestibili singolarmente, con un semplice on/off su ogni effetto, oppure creando dei preset, uno per ogni switch, che permetterà di richiamare configurazioni di pedali a noi utili. È presente l’accordatore e il send/return per posizionare correttamente la pedaliera all’interno del vostro rig, sfruttando dunque il send/return dell’ ampli e collegandola con il classico metodo dei 4 cavi.

    La Black Truck è l’ultima nata in casa Mooer ed è pensata per i suoni più spinti e cattivi.
    Compressore, overdrive, distorsore, equalizzatore, Modulazioni che comprendono phaser, tremolo e flanger, riverbero e delay contenuti in un singolo pedale finale chiamato “space”.

    La Red Truck, al contrario, guarda al rock e pop in generale, regalando una maggiore versatilità.

    Entrambe presentano l’accordatore, mentre per quanto riguarda gli altri pedali qui troviamo boost, drive, distorsore, modulazioni (Tremolo, phaser, chorus/flanger), delay e riverbero.

     

    La Ge200, invece, è una macchina completamente diversa.

    La prima grossa differenziazione rispetto alle cugine Truck è che presenta le simulazioni di ampli ed è pensata per un utilizzo stand alone, in diretta nell’ impianto, anche grazie alla possibilità di caricare IR esterne.

    La programmazione è molto semplice, mentre la gestione in live può risultare un po’ complessa se si stanno usando molti suoni. Io l’ho sempre utilizzata, anche grazie al tasto CTL e il pedale d’espressione che regalano un po’ di opportunità nei cambi suono, permettendo di controllare l’attivazione di qualsiasi pedale e il movimento di un qualunque parametro.

    Quindi, stringendo, la differenza sostanziale è che la serie Truck permette sì di andare in diretta nell’ impianto sfruttando l’uscita cuffie, ma sicuramente non nasce per quello, quanto più come una macchina completa che vi regala molte possibilità espressive, tutte condensate all’ interno di un singolo oggetto dalla versatilità pazzesca.

    La GE200 ve la consiglio assolutamente se invece volete fare a meno del vostro amplificatore, andando in diretta nell’ impianto e sfruttando la quantità enorme di effetti per creare e gestire i vostri suoni. Grande comodità in piccolo spazio.

    Commentate sotto al video YouTube con altre domande e proponendomi altre sfide, vedrò di soddisfare le vostre richieste con altri video di questo genere!

    2+

    1 commento

    1. Ho la redtruck da un po’, la uso per registrare usando la sim cab dell’uscita cuffie e non è malaccio, c’è sicuramente di meglio ma se po ffa’. Live l’ho provata su un paio di piccoli palchi dentro al katana 50, serate andate benissimo. Decenti le distorsioni analogiche ( ah, se il boost si potesse accendere con i piedi…) ma sono gli effetti di ambiente e modulazione la sua forza. Il riverbero è davvero ottimo, con uno shimmer invidiabile. Per quello che costa e che ingombra, direi un acquisto azzeccato.

      0