• Confezione e contenuto:

    Il GainOver arriva il in una bella scatola di cartone e lo si trova all’interno di una busta di stoffa, soluzione molto bella ed elegante.

    Materiali e touch and feel:

    Esteticamente mi piace un sacco: il colore è azzeccassimo e la grafica degna di un cartone animato.
    La costruzione è ottima, come ci si aspetta da un pedale di questo livello: controlli precisi, così come gli switch. Verniciatura molto curata: la tecnica utilizzata prevede l’utilizzo dei raggi ultravioletti e garantisce un’ottima resistenza permettendo di non rovinare il bel disegno che contraddistingue il pedale.

    Gestione del pedale:

    Dentro al GainOver c’è un solo overdrive, ma si possono scegliere due diversi livelli di gain utilizzando lo switch posto a destra.
    I controlli sono semplicissimi: gain e volume per entrambi i canali del pedale, cui si aggiunge il contour che schiarisce il suono, senza però far perdere frequenze basse.

    Il suono:

    Si rifà sicuramente all’ Inghilterra che come valvole finali ha preferito le EL84: AC30 e simili, quindi.

    Definirei questo pedale esplosivo perché dà esattamente l’idea di suonare un amplificatore posto ad alto volume: il risultato è un suono molto reattivo al tocco che parte da sonorità appena sporche, ottime quindi su arpeggi e accordi aperti, per poi raggiungere picchi di gain adatti alle ritmiche più arrabbiate del rock’n’roll, pur rimanendo sempre una sonorità vintage.

    Se amate Brian May, The Edge, Rory Gallagher, gli Oasis e volendo perfino i Muse, beh, avete trovato un pedale che può fare al caso vostro.

    Conclusioni:

    Due preset sotto ai piedi, tanta dinamica e grande suono. Il prezzo è corretto per la tipologia di pedale. Non posso che fare i complimenti ai ragazzi di Tefi.
    Potete trovare info su prezzo ed acquisto del pedale cliccando QUI.

    11+